La campanaria di Porto Rotondo

Nel 2008 a Porto Rotondo il conte Luigi Dona dalle Rose corona il suo sogno di realizzare la torre campanaria della piccola chiesetta di San Lorenzo, nel luglio dello stesso anno il campanile viene inaugurato alla presenza delle autorità e dell’allora presidente del consiglio Silvio Berlusconi.
Loredana Catrocci responsabile di “Un mondo di eventi” mi incarica di seguire i lavori della messa in opera con la mia macchina fotografica.
Sono 4000 le foto scattate durante tutti i lavori.
Ne nasce un progetto di un libro e di un EBook (iBooks per il formato iPad), in tutto 30 pagine che racconta quei giorni del campanile, ora può esser acquistato in internet direttamente con Paypal.

Se siete interessati all’acquisto dopo aver pagato con Paypal collegatevi nella pagina “contact” segnalando: l’acquisto, il numero d’ordine e l’email di riferimento dove inviare il file del libro, riceverete nel più breve tempo possibile il libro da installare nel vosto eBook





La grande torre, realizzata in legno di pino russo, la stessa utilizzata dal maestro Mario Ceroli per scolpire la scenografia che arreda l’interno della chiesa, e’ alta 24 mt, pesa 24 tonnellate ed ha un’anima d’acciaio legata da 96mila viti. Costruita, con un sistema modulare, a Reuthe, un paesino dell’Austria, dalla ditta Kaufmann, e’ stata trasportata in Costa Smeralda, e montata in poco piu’ di una settimana.
Volutamente il suo legno non e’ stato trattato in alcun modo, affinche’, nel tempo, possa acquisire la stessa tonalita’ di grigio del granito usato per la facciata del tempio.
L’opera, unica al mondo, sia per i materiali usati che per le dimensioni, regge 4 campane intonate e disposte in verticale, anch’esse disegnate da Mario Ceroli, tutte della stessa misura e dedicate agli elementi della natura: acqua, fuoco, terra ed aria.
La chiesa e’ incastonata tra le case che hanno dato vita al nucleo storico di Porto Rotondo.