Cancellieri: “Il prefetto ha sbagliato”

Ma gli errori “vanno perdonati”

Per il ministro dell’Interno “De Martino ha usato toni eccessivi. Ma si è pentito e scusato”. Commentando la vicenda delle grida al prete anti-camorra per essersi rivolto in pubblico al prefetto di Caserta con un semplice ‘signora’, ha aggiunto “incontrerò don Patriciello per chiedere scusa a nome delle istituzioni”

URBINO – Il prefetto di Napoli Andrea De Martino, “ha sbagliato” sgridando il prete anti-camorra don Patriciello per 1essersi rivolto in pubblico al prefetto di Caserta, Carmela Pagano, con un semplice “signora”. Questo il commento del ministro dell’Interno Anna Maria Cancellieri sulla vicenda “ma – ha aggiunto -, chi è senza peccato scagli la prima pietra. Non dimentichiamo il Vangelo – ha detto – gli errori, una volta che sono riconosciuti vanno compresi e perdonati”.

Il ministro, che incontrerà don Patriciello a Roma venerdì 26, ha continuato: “Il prefetto ha usato toni eccessivi. Ma di ciò, lui stesso si è profondamente pentito e scusato. Ed è giusto pretendere delle scuse, ma non intonare il crucifige. Io stessa ho contattato don Maurizio Patriciello: lo incontrerò, per domandare scusa a nome delle istituzioni e assicurare tutta l’attenzione possibile del viminale alle emergenze della sua terra”. “Però – ha concluso – dico che le persone vanno giudicate per il complesso delle loro vite e questo è un prefetto che ha dato molto al Paese”. Nel suo ultimo incarico, quello di Napoli, “ha lavorato con profondo impegno. È Un territorio difficile, dove lo stato si batte ogni giorno per sottrarre ai traffici di camorra aree degradate, come le grandi periferie di Secondigliano e Scampia”.

Intervistato il 20 ottobre 3 scorso però il prefetto De Martino, non era sembrato affatto pentito. Anzi. Aveva rivendicato la sua “sfuriata” a don Maurizio Patriciello: “E’ stata una mancanza di rispetto verso le istituzioni”, aveva ribadito De Martino (VIDEO).

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

11 − dieci =

Translate »