Marino e Alemanno non sono la stessa cosa

controbuiodi Paolo De Gregorio, 30 maggio 2013

Grillo monita severamente gli elettori del M5S a non appoggiare nei ballottaggi esponenti del PD. Mi sembra una giusta ritorsione verso quella subdola e vigliacca manovra di Bersani che faceva finta di tendere la mano al Movimento mentre, da vecchio doppiogiochista di scuola togliattiana e dalemiana, si era già accordato col PDL per le larghe intese.

Dovrebbe però fare una eccezione per Ignazio Marino, al ballottaggio per fare il sindaco di Roma, che è stato il più votato dai romani proprio perché ha preso le distanze dal suo partito, il PD, a favore dell’elezione di Rodotà e contro il vomitevole inciucio di governo con il PDL.

Un’altra medaglia sul petto di Marino è quella della ostilità del Vaticano, più precisamente della Curia (e non di Papa Francesco), che non tollera le posizioni scientifiche e civili sulle staminali e le coppie omosessuali dell’illustre chirurgo, preferendogli palesemente, con plateali dichiarazioni ufficiali, il fascista Alemanno, della serie: “la Chiesa non fa politica”.

Se è giusto che in Parlamento il Movimento voti un provvedimento legislativo che condivide, a prescindere da chi lo ha proposto, come ieri (29 maggio) il ritorno al “Mattallerum” (la legge elettorale precedente il Porcellum), insieme a Sel e alcuni dissidenti del PD, ottenendo immediatamente il totale sputtanamento del PD che in quella sede poteva votare la decadenza della vecchia “porcata” senza trattare con Berlusconi, è giusto fare una distinzione per Marino, e sarebbe corretto che Grillo lo facesse sapere ufficialmente.

A Roma avere Marino e non Alemanno non è la stessa cosa. E’ giusto che Grillo e il Movimento a Roma dichiarino totale appoggio a Marino, anche per evitare di essere etichettati come isolazionisti e negativi, e creando le premesse per l’accoglimento di qualche punto del programma da parte del nuovo sindaco.

Ricordo che il PD è spaccato almeno in tre correnti di peso simile: una è quella di Renzi, una è quella di centro (dell’apparato, delle coop, del sindacato, dei cattolici), l’ultima è quella di sinistra a cui appartiene Marino e la dissidenza di Civati e Barca che è in odore di scissione, cosa che è auspicabile e che sarebbe favorita da Marino Sindaco di Roma.

 

Caro Paolo, condivido in pieno quello che scrivi. Alle ultime elezioni ho votato Grillo mentre fino ad ieri ho votato PD è capisco le sue perplessità sul PD, la coerenza che ha dimostrato in questo periodo è stata in linea alle promesse con gli elettori ma soprattutto in linea col movimento, ma se mi trovassi in Italia e non in Colombia e potessi votare a Roma, voterei senza dubbi Ignazio Marino per le stesse identiche cose che tu hai elencato ma permettimi di aggiungere anche perchè è una bella persona e di belle persone ne abbiamo proprio bisogno… naturalmente rubo è inserisco nel mio blog, il solito abbraccio, Antonello

 

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tredici − 3 =