Province, il centrodestra supera esame. Non passa l’emendamento a voto segreto

La maggioranza di centrodestra si ricompatta e non passa, a voto segreto, l’emendamento del centrosinistra. La via dello sciogliemento delle Province è ora in discesa.

banner-unioneEntro 30 giorni dall’entrata in vigore della legge sul commissariamento delle Province sarà abrogato con legge costituzionale l’articolo 43 dello Statuto che prevede che le province di Cagliari, Nuoro e Sassari conservino l’attuale struttura di enti territoriali. L’ha deciso il Consiglio regionale bocciando un emendamento al secondo comma dell’articolo 10.

L’emendamento prevedeva infatti che le attuali amministrazioni provinciali e i rispettivi organi eletti potessero esercitare le funzioni sino a conclusione del mandato, svolgendo, di fatto un’attività commissariale per predisporre tutti gli atti contabili, finanziari e patrimoniali in vista del riordino.

Più volte il centrosinistra ha sfidato Cappellacci a dimettersi in caso di mancato commissariamento.

LE REAZIONI – “Si tratta di un commissariamento che nella storia può essere assimilato solo a provvedimenti del ventennio fascista – ha detto il consigliere del Pd, Gian Valerio Sanna – quattro amministrazioni su 5 passano dal centrosinistra al centrodestra ed è giusto che i tribunali decidano su questo”. Secondo Giuseppe Cuccu, “i commissariamenti servono per commissariare i consorzi industriali che i tribunali vi hanno rigettati”, mentre per Adriano Salis (gruppo misto) ha parlato di “deriva commissariale”. Sull’argomento è intervenuto anche il capogruppo del Partito Sardo d’Azione, Giacomo Sanna: “avete deciso di banchettare all’interno delle Province e preferite i commissari ai vostri compagni di partito”.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 + nove =