BERLUSCONI PREPARA IL SUO ESILIO IN SARDEGNA. VILLA CERTOSA O CAPRERA?

Lo teneva stretto, all’uscita del teso vertice con i parlamentari del Pdl sulla crisi di governo. Per ciò quel dizionario Italiano-Sardo nelle mani di Silvio Berlusconi non è passato inosservato. Non si è riusciti però a capire perché il Cavaliere lo portasse con sé. Una lettura distensiva? Il regalo di un deputato della Sardegna? Uno strumento utile per intendersi con i fornitori o i custodi di Villa Certosa in vista di un cambio di residenza? Tra falchi, pitonesse, colombe, ministri semi-dimessi, esponenti diversamente berlusconiani, sottosegretari recalcitranti alle dimissioni, forse il capo cercava dal dizionario una risposta alla confusione regnante nel partito, riassumibile col proverbio sardo “Chentu concas, chentu berrittas”: cento teste, cento opinioni diverse (ansa)

berlusconi

1 Comment

  1. Il kenia è bellissimo vada a visitarlo……e magari si affeziona al posto……..adiosu.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 × 4 =

Translate »