Scuola, arrivano le assunzioni

Di Giovanni Galli

Oltre 21 mila insegnanti e 1.200 dirigenti. Il consiglio dei ministri ha approvato ieri tre provvedimenti sulle assunzioni di dirigenti scolastici e di docenti e personale educativo nella scuola, che dovranno essere effettuate entro il 31 agosto 2012, al fine di consentire un ordinato avvio dell’anno scolastico (si veda ItaliaOggi del 14 agosto scorso). Il 24 settembre, inbvece, verrà pubblicato il bando per un concorso per quasi 12mila docenti (11.892 per l’esattezza), il primo concorso dal 1999. 

Le assunzioni varate ieri rientrano nel programma triennale di assunzioni nel comparto scuola 2011-2013 e sono necessarie, spiega una nota di palazzo Chigi, per garantire le esigenze di funzionalità del servizio scolastico. Il governo ha anche approvato un altro decreto che ridisegna il sistema di valutazione degli istituti, fondato su tre pilastri: l’Invalsi (l’Istituto nazionale per la valutazione del sistema di istruzione e formazione); l’Indire (l’Istituto nazionale di documentazione, innovazione e ricerca educativa), che sostiene le scuole nei piani di miglioramento; gli Ispettori, che collaborano nella fase di valutazione esterna delle scuole. 

Uno dei perni di questa riforma, spiega palazzo Chigi illustrando il pacchetto composto da quattro provvedimenti, è costituito dall’autovalutazione delle scuole, determinata sulla base di dati forniti dal sistema informativo del Ministero dell’istruzione, università e ricerca, dall’Invalsi e dalle stesse scuole. Questa analisi sarà contenuta in un Rapporto di autovalutazione da cui successivamente l’Invalsi desumerà gli indicatori che consentiranno di individuare le istituzioni scolastiche da sottoporre alla valutazione esterna, coordinata dagli ispettori. 

In base ai risultati del Rapporto, la scuola definirà un piano di miglioramento avvalendosi anche del sostegno dell’Indire, o della collaborazione con università, enti di ricerca, associazioni professionali e culturali. Gli esiti del procedimento di valutazione non hanno l’obiettivo di sanzionare o premiare, ma intendono, si legge nella nota, rendere pubblico il rendimento della scuola in termini di efficacia formativa. Lo scopo è attivare un processo di miglioramento sistematico e complessivo dell’efficienza e dell’efficacia del servizio, che deve essere mirato soprattutto a innalzare i livelli di apprendimento degli studenti e a dotarli di conoscenze e competenze essenziali per operare scelte consapevoli per il loro futuro. Il sistema permetterà anche di comprendere il valore dell’azione di coordinamento dei dirigenti scolastici.

Il decreto sarà successivamente sottoposto, per i prescritti pareri, al Consiglio nazionale della pubblica istruzione, alla Conferenza unificata, al Consiglio di stato e alle competenti commissioni parlamentari. Contemporaneamente all’acquisizione dei pareri degli organi consultivi, si aprirà un percorso di consultazioni e confronto sul testo con gli operatori del mondo della scuola, con le realtà associative rappresentanti i genitori, gli studenti e la società civile, nonché con i sindacati del comparto e con le forze politiche. 

Per quanto riguarda invece le assunzioni, le autorizzazioni ad assumere, si legge nella nota, «sono il risultato di una programmazione del fabbisogno corrispondente alle effettive esigenze di funzionalità del servizio educativo e scolastico, nell’ottica dell’avvio di una regolare programmazione pluriennale, che dia più certezze e prospettive ai giovani che si affacciano sul mercato del lavoro in questo delicato settore. Le autorizzazioni mirano inoltre ad ottimizzare l’utilizzo delle risorse del personale dirigenziale, docente e Ata per migliorare il funzionamento e contenere i costi di settore, anche alla luce delle nuove disposizioni di spending review». Per evitare ritardi e intralci nel rintracciare i papabili, il ministero si è portato avanti con il lavoro, consigliando ai precari di dotarsi nel frattempo di pec. Per poter avere la chiamata via mail.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

nove − 4 =