AHI! TECH – APP STORE COMPIE UN LUSTRO E APPLE FESTEGGIA IN SILENZIO: DIVERSE APPLICAZIONI PER OGGI SONO GRATUITE

controbuioUfficialmente Apple non ha detto niente, ma oggi che App Store compie 5 anni, alcune applicazioni, fra cui “Infinity Blade II” e “Traktor Dj”, sono gratis – Parte Graph Search, motore di ricerca interno di Facebook – Un ragazzino rischia 8 anni di carcere per un commento di cattivo gusto…

 

Da “The Verge.com” http://bit.ly/1d8HEjW

Oggi l’App Store compie cinque anni. Il negozio di applicazioni di Apple è stato il primo in assoluto nel suo genere, e ha rivoluzionato per sempre il mondo degli smartphone e quindi della comunicazione.Un compleanno che Apple celebra nel suo stile, e cioè senza dire niente. Fatto sta che a quanto pare alcune applicazioni per iOS di grande successo che finora sono sempre state a pagamento, oggi sono gratuite.

Fra queste troviamo “Infinity Blade II” (gioco epico con una grafica degna di una console), “Superbrothers: Sword and Sworcery EP” (particolarissima avventura grafica che si fonde alla perfezione con la musica), “Dov’è la mia acqua?” (divertentissimo gioco della Disney), “Badland” (geniale videogame a scorrimento con le atmosfere cupe del pluripremiato ‘Limbo’) e “Tiny Wings” (anche questo a scorrimento, ma qui le atmosfere sono molto più solari, e somigliano a quelle di ‘Angry Birds’).Non solo, perché fra le app che oggi è possibile scaricare gratis per iPhone, iPad e iPod Touch c’è anche “Traktor Dj”, che permette di mixare brani e di lavorare sulla musica con una precisione quasi professionale e che di solito costa ben 17,99 euro. Insomma, se siete dotati di un dispositivo Apple è vivamente consigliato scaricare queste app, anche solo per provarle.

E a proposito di giochi, non perdetevi il doodle di Google di oggi. Se non l’avete già fatto, andate sull’home page del motore di ricerca: in occasione del 66esimo anniversario dell’incidente di Roswell, l’azienda di Mountain View ha preparato un raffinato videogame. Si tratta di un vero e proprio punta e clicca, in cui dovremo aiutare l’alieno che si è schiantato sulla Terra a recuperare le varie parti della sua navicella, sparsi in tutto il villaggio.
2 – OGGI PARTE GRAPH SEARCH, IL MOTORE DI RICERCA INTERNO DI FACEBOOK. E UN RAGAZZINO RISCHIA 8 ANNI DI CARCERE PER UN COMMENTO DI CATTIVO GUSTO

Dal “New York Times” (http://nyti.ms/1aflrF0) e “Business Insider.com” (http://read.bi/18460yB)

FACEBOOK GRAPH SEARCH

Fu annunciato in pompa magna a gennaio scorso, e già allora non sembrò un’idea così rivoluzionaria. Oggi parte ufficialmente Facebook Graph Search, il motore di ricerca interno al social network che permette di trovare persone attraverso foto, luoghi e interessi. Per ora possono accedere alla nuova funzionalità solo gli utenti iscritti a Facebook in lingua inglese (“U.S. English”). Si tratta né più né meno di una barra di ricerca. Per ora la novità è stata accolta senza particolari entusiasmi.

Intanto occhio a quello che scrivete su Facebook. Un ragazzino di 19 anni del Texas, Justin Carter, è in carcere da cinque mesi e rischia di rimanerci per altri 8 anni per aver scritto a un amico un commento mentre giocava a un videogame. Quando infatti il compagno di gioco gli ha scritto “Sei fuori di testa” lui, in un attacco di rabbia, gli ha risposto: “Sono talmente pazzo che sparerei in una scuola piena di bambini, vedrei il loro sangue scorrere e mangerei il cuore di uno di loro”.

JUSTIN CARTER JUSTIN CARTER

Errore molto grave, considerato che il messaggio è stato pubblicato il 14 febbraio scorso, solo due mesi dopo la strage nella scuola elementare Sandy Hook, in cui il ventenne Adam Lanza uccise 27 persone di cui 20 bambini.Una donna canadese, letto il commento, ha contattato la polizia, che ha arrestato il ragazzo. Justin è stato accusato di terrorismo e condannato a pagare 500 mila dollari. La famiglia è disperata, e non fa che ripetere che l’uscita dell’adolescente non rappresentava realmente una minaccia, ma solo uno sfogo di cattivo gusto. Ciò sarebbe provato dal fatto che lo stesso giovane subito dopo avrebbe scritto “LOL” e “JK”, che nel linguaggio dei forum su internet sono sigle per intendere lo scherzo. I giudici non hanno voluto saperne nulla. Molti però in America credono che cinque mesi di carcere per un adolescente che scrive una brutta cosa possano bastare. Anche perché, dal controllare certe situazioni ed evitare che degenerino, in questo modo si passa facilmente all’eccesso opposto. E per gli Stati Uniti non sarebbe la prima volta. Con le dovute proporzioni, Guantanamo docet.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

dieci + diciannove =

Translate »