Kazakistan, spunta un fax inviato dalla Farnesina. Appello dell’esule a Letta

Kazakistan, spunta un fax inviato dalla Farnesina. Appello dell’esule a Letta

Il messaggio dimostrerebbe che il ministero degli Esteri era al corrente di quanto stava accadendo alla moglie e alla figlia del dissidente kazako, ma nessuno avrebbe avvisato Alfano. Intanto Letta non nasconde la rabbia: “Ora qualcuno deve pagare”. E il rifugiato scrive al premier: “Grazie, ma la mia famiglia non potrà più lasciare il Paese”

 

banner il_fatto quotidianoE’ sempre più fitto il mistero sul blitz con cui sono state espulse alla fine di maggio la moglie e la figlia del dissidente kazako Mukhtar Ablyazov. Un fax inviato dal Cerimoniale della Farnesina all’ufficio Immigrazione della questura di Roma, che chiedeva conferma del fatto che la donna godesse dell’immunità diplomatica, dimostrerebbe infatti che il ministero degli Esteri era al corrente di quanto stava accadendo.

Ma il ministero nega. “Il fax del 29 maggio alla questura di Roma si limitava a rispondere se Alma Shalabayeva avesse o no copertura diplomatica e non poteva collegare la signora al marito rifugiato politico in Gb”, affermano fonti della Farnesina alle agenzie di stampa, ribadendo che il ministero non era al corrente del provvedimento di espatrio e sottolineando che un collegamento era impossibile in quanto la Farnesina “non ha alcun accesso a nessun tipo di data-base dei cittadini stranieri in Italia”.

Il ministero, sempre secondo fonti interne, si è attivato subito per aiutare la signora Alma Shalabayeva, una volta appreso del provvedimento di rimpatrio forzato in Kazakistan disposto nei suoi confronti e di cui non era stata messa a conoscenza. Fonti del Viminale affermano intanto che è attesa ”tra 2-3 giorni per essere discussa la prossima settimana” la relazione del capo della polizia Alessandro Pansa sul caso.

I riflettori sono ora sulla Farnesina. Il primo fax in questione, secondo la ricostruzione del Corriere della Sera, è stato inviato dal dirigente dell’ufficio Immigrazione, Maurizio Improta, al Cerimoniale della Farnesina, dopo che la signora, fermata dagli uomini della Digos e accusata di avere il passaporto falso, ha detto di avere l’immunità diplomatica. La risposta è arrivata poche ore dopo, con un messaggio firmato dall’addetto Daniele Sfregola secondo cui la signora non godeva di alcuna immunità. Il ministero degli Esteri sembra quindi aver svolto ricerche sul nome della donna, moglie di un rifugiato politico.

A sollecitare l’arresto di Ablyazov per una serie di truffe sarebbe stata l’Interpol, con una nota in cui precisava che l’uomo era “armato e pericoloso”. Dopo il blitz della Digos, dove non è stato trovato il dissidente ma soltanto la moglie e la figlia, il questore Fulvio Della Rocca ha informato subito l’Interpol su quanto accaduto. Ma nessuno si sarebbe preoccupato di avvisare il vertice della polizia e dunque il ministro dell’Interno Angelino Alfano.

Restano quindi ancora molti interrogativi su quanto accaduto tra il 28 e il 31 maggio. Al punto che il premierEnrico Letta, spiega Repubblica, detta la linea ai ministri, chiusi nel suo studio a palazzo Chigi da mezzogiorno fino alle cinque della sera, spiegando che “da questa vicenda ne possiamo uscire soltanto adottando una politica di total disclosure, di trasparenza assoluta”. Letta ha poi alzato lo sguardo verso il capo della Polizia, senza nascondere la sua rabbia. “Ora qualcuno deve pagare”, ha detto. “Se è vero che Angelino non sapeva, qualcuno della struttura ne risponderà”. Qualche provvedimento sarà preso, insomma, forse quella del capo dell’Immigrazione o del prefetto di Roma o del Questore o del capo della Digos.

Il presidente del Consiglio ha intanto ricevuto una lettera dal dissidente Mukhtar Ablyazov. “Caro Letta, grazie per questa decisione coraggiosa, ma adesso temo che il regime di Nazarbayev reagirà mandando mia moglie Alma in prigione e la mia bambina Alua all’orfanotrofio”, ha scritto l’oppositore kazako nel messaggio riportato dalla Stampa. “Fino ad oggi ho avuto paura che il governo italiano serrasse i ranghi, negando l’illegittimità di quanto avvenuto, ma non è successo”, ha aggiunto, dicendosi “molto grato al popolo italiano per aver reagito a questa orribile vicenda, per non essere stato insensibile”, anche se “temo che il Kazakistan adesso non lascerà andare Alma e Alua, non potranno lasciare il Paese”.

1 Comment

  1. annamaria

    Ma come tutti i clandestini che girano in Italia nessuno li vede anche quando hanno il foglio di Via?. Questa Signora e la Sua bimba l’ han vista addirittura in casa? Approfitto di questa mail per “ringraziare” il Kazakistan, grazie al suo grande sostegno economico è stato possibile recuperare una pregevole Opera d’arte distrutta nel terremoto dell’ Aquila.In questa occasione questa Nazione ha dato un grande esempio di sensibilità verso l’ Italia, altrettanto non si può dire di Grande Nazione che ha promesso solo a parole. Spero proprio tanto nel buon cuore di chi può decidere per la serenità di questa Signora della sua bimba di tutta la Sua famiglia.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 × tre =

Translate »