AFFITTASI PELLE! IN GIAPPONE LA PUBBLICITÀ VIAGGIA SULLE COSCE DELLE RAGAZZINE

banner_dagospiaNel caos urbano dove i messaggi promozionali si annullano a vicenda, le agenzie di pubblicità devono inventarsene sempre di nuove – Una di loro allora ha pensato di pagare delle ragazzine per farsi stampare dei marchi sulle cosce, giocando sulla loro civetteria e sull’arrapamento dei maschi…

Dal “Daily Mail”

SPOT TATUATI SULLE COSCESPOT TATUATI SULLE COSCE

Viviamo in un mondo praticamente invaso dalla pubblicità. I messaggi promozionali ci raggiungono sui cellulari, ci seguono in metropolitana, ci piovono addosso mentre camminiamo per strada. Le metropoli ormai sono talmente “affollate” di comunicazioni che si finisce per ignorarle tutte.

SPOT TATUATI SULLE COSCESPOT TATUATI SULLE COSCE

Questo naturalmente è un problema per le agenzie di pubblicità, perché per farsi notare nel caos urbano e svettare sulla concorrenza bisogna inventarsi soluzioni sempre più particolari. Ma delle tante viste finora forse questa le batte tutte.

SPOT TATUATI SULLE COSCESPOT TATUATI SULLE COSCE

L’agenzia WIT ha pensato di stampare i messaggi promozionali sulle cosce di ragazze avvenenti. Non modelle “finte” (ormai ci si è abituati perfino a vedere tette e culi sui cartelloni pubblicitari) ma normali ragazzine che si fanno pagare per esporre sotto le corte gonne i marchi di aziende, prodotti o anche film.

Una strategia di marketing che gioca sulla civetteria delle ragazze (contente di mostrare le proprie forme, soprattutto se dietro compenso) e sull’arrapamento dei ragazzi, che hanno una scusa in più per dare una sbirciatina.

SPOT TATUATI SULLE COSCESPOT TATUATI SULLE COSCE

Naturalmente però ci sono dei “paletti”: le ragazze devono avere almeno 18 anni e 20 amici sui social network. Si possono vestire come vogliono, anche se l’abbigliamento consigliato è gonna corta e calze per mette in risalto l’annuncio. La paga è buona, si possono guadagnare più di 75 euro al giorno, e inoltre il tatuaggio non è permanente.

KAROLYNE SMITH TATUAGGIO SPOT

C’è già chi in passato ha accettato di farsi tatuare per pubblicità. Nel 2005 l’americana Karolyne Smith si fece imprimere l’indirizzo internet di un casino online sulla fronte per più di 7.500 euro. Disse che le servivano per mandare il figlio a una scuola privata.

 

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

18 + sedici =

Translate »