Nuova Zelanda, immigrato troppo grasso «Costi eccessivi per il sistema, va espulso»

Schermata 2013-07-28 a 12.26.51130 chili, chef sudafricano da sei anni cittadino neozelandese «Va incontro a malattie vascolari e diabete»

banner_corseraLui è uno chef sudafricano che da sei anni vive in Nuova Zelanda. Ma per le autorità locali ha un difetto: è troppo grasso. E ora rischia di essere espulso. Albert Buitenhuis pesa 130 chili, troppi secondo le autorità per vivere nel Paese in quanto «non ha un tenore di salute accettabile». L’uomo, riferisce la Bbc online, rischia ora di essere espulso nonostante sia dimagrito di 30 chili da quando si è trasferito nella città di Christchurch sei anni fa. Il ministero dell’Immigrazione sostiene che la sua obesità lo pone a un «serio rischio» di malattie incluso il diabete, ipertensione e problemi cardiaci. «È importante che tutti gli immigrati abbiano un tenore di salute accettabile per ridurre al minimo i costi e le richieste dei servizi sanitari della Nuova Zelanda», sostiene un portavoce del ministero.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattordici − 5 =

Translate »