Nell’Isola la lingua ufficiale sarà il sardo Il Psd’Az presenta la legge in Consiglio

consiglio

Prove di bilinguismo in Sardegna, dopo le recenti polemiche con lo Stato che ha proibito la doppia dicitura, in italiano e in sardo, della toponomastica nei Comuni.

banner-unioneIl Psd’Az ha presentato, in Consiglio regionale, una legge di revisione costituzionale dello Statuto autonomistico isolano che parifica la lingua sarda a quella italiana, inserendola a pieno titolo come “ufficiale” nella Carta del 1948. La legge, costituita da un solo articolo, tutela e offre lo stesso riconoscimento anche al catalano, parlato ad Alghero, al gallurese, al sassarese e al tabarchino (Carloforte). La prima conseguenza pratica dovrà essere, oltre all’utilizzo corrente negli atti della pubblica amministrazione, come accade in Alto Adige o in Valle d’Aosta, l’insegnamento obbligatorio della lingua sarda nelle scuole. “E’ un problema che tutte le forze politiche del Consiglio regionale devono affrontare – ha spiegato il presidente dei Quattro Mori, Giacomo Sanna – è maturato il momento che anche i parlamentari si esprimano perché esiste un deficit in uno dei canali preferenziali: nel Comitato parlamentare per le riforme costituzionali non è presente nessun sardo”. Secondo Sanna “questo lavoro sarebbe dovuto esser fatto dall’assemblea costituente, ma non c’è stata e non c’è la volontà di istituirla”. Resta ancora aperta la discussione su quale variante della lingua possa esser utilizzata in tutti i territori. Secondo Christian Solinas “è da oltre un secolo che si discute delle varianti. Le complicazioni, però, sono più dei nostri tempi. Oggi però l’importante è non assistere inermi a quello che sta succedendo e rialzare il volume sulla questione”. “Se ci riappropriamo della nostra lingua rientreremo nella nostra dimensione – ha aggiunto il sindaco di S.Anna Arresi, Paolo Dessì -. E’ diventato prioritario rispondere allo Stato sulla doppia toponomastica, per ribadire che la nostra cultura e storia non possono esser cancellate con una circolare ministeriale”.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciannove − 9 =

Translate »