Ussana, ventenne violentata e minacciata
Ha versato al suo aguzzino 5mila euro in 5 mesi

Violenta la ragazza dell’amico e poi le estorce denaro, minacciandola di rivelare il rapporto sessuale dicendo che era consenziente. Un incubo per una ragazza di 20 anni di Ussana, durato quasi cinque mesi, fatto di continue richieste di denaro e minacce. Questa terribile storia è stata scoperta solo ieri (e resa nota oggi), quando ieri i carabinieri della Stazione di Monastir hanno arrestando il presunto violentatore e taglieggiatore.

banner-unioneIn manette per estorsione Francesco Mascia, 32 anni di Ussana. L’uomo, che deve rispondere anche di violenza sessuale, è stato arrestato in flagranza mentre intascava l’ennesima trance da 350 euro dell’estorsione: in cinque mesi ne aveva già ottenuti quasi 5mila.

Le indagini dei carabinieri, coordinate dal capitano Davide Colajanni comandante della Compagnia di Dolianova, sono scattate nei giorni scorsi quando la ragazza, accompagnata dal fidanzato, si è presentata in caserma per raccontare tutto.

LA STORIA – La giovane ha detto ai carabinieri di essere stata costretta con la forza ad avere un rapporto con Mascia, ma non solo. Il 32enne, secondo quanto denunciato, l’avrebbe minacciata di divulgare l’accaduto, dicendo di aver avuto un rapporto sessuale con lei perché era consenziente.

I TIMORI DELLA RAGAZZA – La vittima aveva paura di non essere creduta da nessuno, di perdere le amicizie e il fidanzato. Una paura che, hanno accertato i carabinieri, l’ha spinta a consegnare il denaro richiesto da Mascia, pagandone il silenzio. Da aprile ad agosto la giovane ha consegnato quasi 5mila euro, poi esasperata ha deciso di denunciare tutto ai carabinieri.

Ieri sera, dopo l’ennesima richiesta di denaro, si è presentata all’appuntamento con i carabinieri. Appena Mascia ha intascato i soldi è stato arrestato.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

deandre