Amministratori nel mirino Silvio Lai interroga Alfano

silvio laiL’esponente del Pd chiede l’intervento dei ministri dell’Interno e dell’Ambiente «È necessaria la ferma risposta delle istituzioni che vada oltre la solidarietà»

banner_nuova_sardSASSARI. La lunga serie di attentati incendiari che ha colpito gli amministratori comunali arriva all’attenzione del parlamento. Per la precisione a Palazzo Madama, grazie a un’interrogazione urgente del senatore del Partito democratico Silvio Lai indirizzata al ministro degli Interni, nonché vice presidente del consiglio dei ministri, Angelino Alfano. Un’interrogazione con la quale l’esponente del Pd evidenzia il possibile legame fra la catena di attentati e la gestione dell’isola dell’Asinara, teatro – quest’ultima – di altri episodi di criminalità. «Il ministro dell’Interno si occupi di quanto sta accadendo a Porto Torres, dove è’ sempre più difficile andare avanti per gli amministratori comunali – è l’allarme di Silvio Lai –. È inquietante quanto sta accadendo a Porto Torres, gli attentati agli amministratori, l’incendio di un traghetto e la distruzione del trenino dell’Asinara. È evidente – aggiunge Lai – che c’è un filo che lega questi episodi intimidatori ed è necessario che ci sia una ferma risposta delle istituzioni locali e nazionali e delle forze dell’ordine, risposta che deve andare oltre gli attestati di solidarietà».

Solidarietà che per alcuni amministratori comunali non sarebbe stata del tutto sentita, amministratori che denunciano un pericoloso senso di solitudine. In pochi mesi sono andate distrutte le automobili di tre assessori (l’ultimo, ai danni di Gavino Gaspa, in carica da poco più di un mese), l’auto del figlio dell’ex sindaco e consigliere delegato per l’Asinara Gilda Usai. Nel frattempo è stato ridotto a un cumulo di rottami il Trenino dell’Asinara mentre lo scorso anno è stata completamente distrutta da un’incendio l’imbarcazione che collegava Stintino con il porto di Fornelli, sempre all’Asinara. Uno stillicidio di roghi, inframmezzato da episodi minori, molti dei quali non sono stati neppure denunciati, come pneumatici squarciati o specchietti retrovisori “finiti per terra”.

«Al riconfermato ministro dell’Interno chiediamo un segnale della presenza dello Stato – aggiunge Silvio lai –, non si può far finta di non capire che dietro ai vili attacchi agli amministratori del territorio, ci sia un piano che mira a bloccare lo sviluppo dell’Asinara e le opportunità per l’intera area di Porto Torres. Alfano, col collega ministro dell’Ambiente (Andrea Orlando, anche lui del Pd, ndc), venga in Sardegna, ascolti gli amministratori locali, verifichi personalmente quale sia il clima di tensione, rabbia, delusione, nel quale si vive e si opera in quell’area».

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

12 + dodici =

Translate »